Gaudenzio Botti 1698 – 1775

Autore: Chiara Parisio
Titolo: Gaudenzio Botti 1698 – 1775
Editore: Starrylink, Brescia, Collana Skyline Arte, 2007
ISBN: 978-88-89720-62-2
Caratteristiche volume: volume rilegato con sovraccoperta a colori, formato 27×23 cm, pp. 96; illustrazioni b/n e a colori
Prezzo di copertina: Euro 38amazon

Il pittore bresciano Gaudenzio Botti (1698-1775) attendeva da tempo di essere riportato all’attenzione degli studi. La fortuna critica di cui ha goduto Ceruti, considerato l’esponente del Settecento profano a Brescia, ha fatto sì che involontariamente cadessero nell’oblio pittori allora noti e oggi relegati nel ruolo di minori; fra di loro,  Gaudenzio Botti, rinomato all’epoca per le Cucine “alla fiamminga”. Si ricostruisce, per la prima volta, in questa occasione,  l’attività pittorica dell’artista, alla luce dei dati documentari reperiti negli archivi nel corso della ricerca e viene redatto un catalogo delle sue opere, costituito, per la maggior parte, da dipinti inediti conservati in collezioni private. Con un attenta analisi si dimostra, in particolare, che gli interni con un’altezza da cascina, connotati da oggetti inerenti la produzione e il consumo del vino (fra i quali spiccano le botti, vera e propria firma dell’artista), sono di solito cucine di osti, aperte agli avventori.

I dipinti di Botti, animati da figurine operose, esaltano l’antica vocazione agricola e vitivinicola del territorio bresciano e la dignità del lavoro onesto, inserendosi, a pieno titolo, nel filone della pittura della realtà.

Il volume, che fornisce un convincente spaccato dell’epoca, è corredato da un ricco apparato illustrativo, che dà piena visibilità e godibilità alla materia esposta.

 Indice del volume: Profilo biografico    La produzione pittorica (I paesaggi. Le “Cucine”. “Effetti di lume e di fuochi”. Uno sguardo a Milano. La collaborazione dei figuristi)   Catalogo delle opere    Regesto dei documenti Appendice letteraria   Bibliografia